PORTO DI MOLA (GALLUCCIO) – VINO, RELAX E TRADIZIONE <3 :D :D

 

Dove si trova l’azienda vinicola “Porto di Mola”?

Porto di Mola si trova tra i comuni di Galluccio (CE) e Rocca d’evandro (CE), completamente immersa nel verde la tenuta che ospita la meravigliosa azienda produttrice di un vino che a mio dire è veramente un fiore all’occhiello della zona.  Il posto è facilmente raggiungibile e il tragitto che ci porta a Galluccio è ricco di suggestione e ci dona una completa immersione nella natura e nei castagneti che caratterizzano la zona. Viaggiare in questi luoghi, per altro a me familiari è molto coinvolgente e passarci un weekend o addirittura una piccola vacanza  ci regala un’esperienza convolgente che stimola tutti i nostri 5 sensi.

Da dove nasce “Porto di Mola”?

Porto di Mola è il risultato del lavoro di molte persone e di almeno 3 generazioni della famiglia Capuano e del suo capostipite Peppì. Ma l’elemento più importante è che Porto di Mola è essensialmente il risultato del lavoro, del sudore e della caparbietà del CEO Antimo Esposito, che dedica anima, cuore e corpo alla sua azienda che vive giornalmente donandole passione e dedizione, assicurando al nostro già conosciuto made in italy eccellenti vini, spumanti e distillati e portando alto l’orgoglio di una terra ricca di prodotti e ricca di sapienti mani che esaltano le materie prime caratteristiche di queste zone.

La mia esperienza a Porto di Mola…

La cosa che sanno fare molto ma molto bene oltre al vino è saper accogliere e far sentire a case i loro clienti o meglio ospiti, sono stato accolto in prima persona dal CEO Antimo Esposito, gentilissimo e davvero un super padrone di casa, cortese ed ospitale che insieme al Sig. Antonio Falvo (Sales Manager) hanno saputo accompagnarmi in una visità ricca di aneddoti storici legati alla famiglia Capuano e ricca di sapori del luogo esaltati dai magnifici vini e spumanti da loro prodotti. Per capire a fondo i loro vini bisogna conoscere la storia dell’enorme tenuta “Capuano” che venne acquistata a fine anni ’80 dal capostipite Peppì perché ricca di basalto, roccia lavica di origine vulcanica, proveniente dall’antico vulcano di Roccamonfina ormai spento. Il basalto era inizialmente prezioso per Peppì nella produzione di calcestruzzo della quale si è sempreoccupato, ma via via che si andata a pulire e a scoprire l’immensa tenuta, si resero conto che nell’antichità vi erano presernti fiorenti vigneti e che proprio il basalto e i terreni di origine vulcanica conferivano alle coltivazioni di uva le caratteristiche fondamentali affinché potesse essere prodotto un eccellente ed inimitabile vino. La visita si è svolta all’interno del sito produttivo, per poi passare ai laboratori di analisi e poi al magazzino di stoccaggio e in ultimo dove si svolgono le degustazioni per i clienti. Per l’ora di pranzo sono stato invitato a pranzo con loro, Antimo ed Antonio insieme ad altri clienti Americani che da tempo si recano presso Porto di Mola per passare giornate tranquille all’insegna del buon cibo e dell’ottimo vino. L’atmosfera era proprio quella familiare, tutti a tavola, camino acceso e piatti fantastici semplici e sapientemente cucinati proprio come a casa, naturali e gustosi esaltati e perfettamente abbinati ad ogni vino della casa. I vini che mi hanno colpito di più sono il “Peppì”, dedicato al pappà di questa azienda, forte e deciso, principamente composto da aglianico ed altri vitigni autoctoni, vino imponente e dal carattere allegro,voluto proprio da Antimo per ricordare la figura di Peppì, una vera e propria dedica colma d’amore per l’uomo che a creato e permesso a Porto di Mola di nascere e progredire. L’altro vino è l’Acquamara un bianco profondo e deciso che mi ha letteralmente sciolto i pensiri e rallegrato il cuore un vino strepitoso a mio giudizio, prende i nome dall’antico corso pluviale che attraversa i vitigni dell’azienda. Inoltre va sicuramente detto che Porto di Mola non è solo vino ma è anche Brut e che Brut, il BASALTO, spettacolare da accompagnare a un buon dolce oppure da gustare in compagnia degli amici per un aperitivo diverso, questo Brut prende proprio il nome dal basalto che caratterizza queste terre di origine vulcanica. Porto di Mola produce anche dell’ottimo olio ed è provvista delle ultime tecnologie per l’estrazione dell’olio extravergine d’oliva. Insomma io vi invito a visitare Porto di Mola, a conosce le persone che l’hanno creata, che la vivono e che la coccolano facendo si che vengano prodotte queste meraviglie che solo nelle nostre terre possiamo trovare. Un grazie infinito va ad Antimo Esposito anima e cuore di questa bellissima azienda che tornerò periodicamnete a visitare perchè una volta assaggiati non si potrà più fare a meno di Peppì e Acquamara.

Questa presentazione richiede JavaScript.

Alberto Capuano

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...